Salve

Tentano la rapina, pestano e perseguitano un anziano: 4 arresti nel Sud Salento

mercoledì 5 febbraio 2014

Un gruppo di 4 persone aveva preso di mira un anziano di Salve, prima vittima di una tentata rapina, picchiato e poi minacciata dai malviventi: arrestati.


Brutto episodio di violenza e soprusi a Salve, nel Capo di Leuca. Un gruppo di 4 persone ha preso di mira un anziano del posto, prima attirandolo in un luogo appartato e tentando di rapinarlo, dopo averlo malmenato e minacciato con un coltello da sub, poi perseguitandolo e minacciandolo per convincerlo a ritirare la denuncia. Questa notte, in seguito alle indagini, il gruppo criminale è stato assicurato alla giustizia.
I fatti lo scorso 3 dicembre, quando l'uomo era stato vittima del tentativo di rapina ma era riuscito a proteggere i suoi pochi averi, un borsello con poche centinaia di euro ed un telefono, cominciando ad urlare e chiedendo aiuto. Nonostante le ferite riportate nell'aggressione e dal pestaggio, non aveva denunciato i 4. Le ferite e il relativo referto avevano però fatto partire la denuncia d'ufficio. Convocato il giorno successivo dai carabinieri, la vittima aveva poi deciso di raccontare quanto avvenuto. Sorprendentemente, solo due giorni dopo l'uomo si era ripresentato in caserma per ritirare la denuncia. La presenza però di altri due uomini ha allertato l'attenzione dei carabinieri, persuasi che fosse in corso un'intimidazione.

Fortunatamente, visto che la denuncia non era stata ritirata per un problema burocratico, i militari hanno potuto comunque procedere con le indagini. Il giorno successivo hanno quindi riconvocato la vittima, questa volta nel massimo riserbo. Confortato dalla protezione dei militari, l'uomo ha così finalmente vuotato il sacco su quanto avvenuto e riferito di tutte le minacce subite.

Secondo la ricostruzione dei militari la tentata rapina era stata un vero e proprio “raid punitivo” promosso da uno degli arrestati, Vincenzo Coi, nato Gagliano del Capo e residente Ugento, che voleva punire la vittima legata in passato da una relazione sentimentale “burrascosa” con una parente. Insieme a Coi sono stati fermati Antonio Vantaggio, nato a Salve nel 1963; Denni Alfieri, nato Nardò nel 1983; Daniele Vantaggio, nato Gagliano del Capo nel 1993, figlio dell'altro arrestato, Antonio;

Nel corso delle perquisizioni, questa mattina, è stato anche ritrovato il coltello da sub usato per le minacce.

Antonio Vantaggio e Denni Alfieri si trovano adesso nella Casa Circondariale di Lecce, in virtù anche dei precedenti specifici, mentre Daniele Vantaggio e Vincenzo Coi sono agli arresti domiciliari.

Altri articoli di "Salve"
Salve
19/04/2019
Questa rubrica nasce con l'intento di aiutare i nostri ...
Salve
19/04/2019
Torna il rituale appuntamento con la Pasquetta nel Salento: ...
Salve
16/04/2019
La grande catena di fast food continua a crescere in Puglia e lancia una campagna di ...
Salve
16/04/2019
Lo staff del nosocomio salentino al lavoro per restituire ...
Il neurologo dell’Ospedale Panico di Tricase, Angelo Zenzola, ci spiega cos’è il TIA, come ...